Restauro Monumento ai Caduti di Altopascio (Lu)

Il monumento di Caduti della Prima Guerra Mondiale di Altopascio rappresenta la figura allegorica di un’anima vincitrice che si alza al cielo, su un alto basamento in materiale lapideo, corredata da iscrizioni, due corone di alloro e raffigurazione di una fiamma nella parte frontale,  il tutto in lega di rame.
E’ stato realizzato da Alfredo Angeloni, nato a Lucca il 29 novembre 1883 e morto a Viareggio il 12 marzo 1953.

Il gruppo bronzeo, a livello formale, presentava i tipici degradi dei manufatti in lega di rame esposti agli agenti atmosferici, come la corrosione preferenziale al dilavamento. Le superfici risultavano coperte da diffusi depositi di materiale incoerente, mentre nei sottoquadri si notavano incrostazioni di sostanze carboniose miste a particellato atmosferico.

L’intervento di restauro prevedeva le seguenti fasi operative:

  • asportazione dei depositi incoerenti e sali solubili tramite un lavaggio con spugna e acqua demineralizzata;
  • sgrassaggio della superficie con idoneo solvente per eliminare depositi di natura cerosa o grassa;
  • pulitura meccanica;
  • lavaggio di tutte le superfici;
  • ulteriore sgrassaggio delle superfici;
  • stesura di un sistema protettivo.

Restauro del Monumento ai caduti della Prima Guerra mondiale sito ad Altopascio, Piazza Antonio Gramsci

Monumento ai caduti sito in Piazza Antonio Gramsci ad Altopascio

Comune di Altopascio

DETTAGLI DEL PROGETTO

I mecenati

I MECENATI CHE HANNO SOSTENUTO IL PROGETTO E DATO IL CONSENSO ALLA PUBBLICAZIONE DEL NOME:

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI LUCCA

AntonellaMonumento ai Caduti, Altopascio (Lu)