Restauro Fortino S. Antonio, Bari

Il progetto di restauro del Fortino S. Antonio riguarda sia il primo piano che il piano terra della struttura e comprende diverse attività: consolidamento statico e restauro conservativo, opere in ferro, adeguamento infissi, ripristino intonaci e tinteggiature, adeguamento impianti.

Il Fortino si trova in uno dei punti più belli della città vecchia, su un’ansa delle mura che abbracciano il borgo antico di Bari, da cui si traguarda il mare e la città nuova. Fonti storiche riferiscono che, intorno al 1440, il duca di Bari e principe di Taranto, Giovanni Antonio Del Balzo Orsini, che ha lasciato il suo stemma sul portale, fece costruire una “torre in guisa di castello al dirimpetto delle muraglie”. La torre, edificata su strutture difensive preesistenti che probabilmente convivevano con la presenza di una piccola chiesa dedicata proprio a S. Antonio, venne distrutta alla morte del feudatario, con la sola sopravvivenza della chiesetta. Nel XVI secolo, durante il regno di Isabella D’Aragona e di Bona Sforza D’Aragona e nell’ambito del rinnovamento del sistema difensivo della città, la struttura venne ricostruita.
Oggi le vestigia più antiche appaiono quelle settecentesche, anche se la torre ha subito rimaneggiamenti successivi e continui rafforzamenti fino a tutta la seconda metà del secolo XVIII, quando venne rifatto il prospetto su via Venezia.

Interventi al primo piano (terrazza) e al piano terra.

Fortino S. Antonio.

DETTAGLI DEL PROGETTO

I mecenati

I MECENATI CHE HANNO SOSTENUTO IL PROGETTO E DATO IL CONSENSO ALLA PUBBLICAZIONE DEL NOME:

LUCA ALBERTO CLARIZIO

ASSOCIAZIONE CULTURALE COMPAGNIA D’AUTORE

ASSOCIAZIONE BONSAI E DINTORNI – Bari

MARIA SIPONTA FINI

MEDIOLANUM COMUNICAZIONE S.P.A.

AZIENDA MUNICIPALE GAS S.P.A.

MARIA SCHIRONE

CRISTINA CARA

GIOVANNI PORTA

MASSIMO DIODATI

L’ALBERO DEI SOGNI – GRUPPO IDEAZIONE

WIP EDIZIONI SRL

ASSOCIAZIONE ITALIANA SOMMELIERS PUGLIA

AZIENDA MUNICIPALE GAS S.P.A.

AntonellaFortino S. Antonio, Bari